Connettiti sui Social

Vino bianco dell’Alto Adige: Chardonnay o Riesling?

vino bianco dell’Alto Adige

Classificazione dei Vini Italiani

Vino bianco dell’Alto Adige: Chardonnay o Riesling?

Se sei curioso di assaggiare un vino bianco dell’Alto Adige, oltre all’aromatico Gewürztraminer, non posso che consigliarti lo Chardonnay o il Riesling (renano, da non confondere con l’italico). Sono due vini bianchi eccellenti, considerati tra i migliori al mondo.

Vino bianco dell’Alto Adige: Chardonnay

Lo Chardonnay è un vino molto duttile. Viene usato, infatti, per la produzione di numerosi vini bianchi, ma anche dei migliori spumanti del mondo. Il colore di questo vino va dal giallo paglierino al giallo dorato, secondo il tempo di fermentazione e la tipologia. In bocca si ritrova tutto quello che si sente al naso: mela, ananas e banana. Le note di mineralità arrotondano il gusto.

Lo Chardonnay è perfetto per l’aperitivo, ma accompagna molto bene anche le carni bianche, i formaggi, verdure e portate a base di pesce. Va servito abbastanza freddo, a una temperatura di servizio di 10°C. Nel caso di versioni affinate in legno o invecchiate, la temperatura di degustazione va alzata di 2-3°C.

Vino bianco dell’Alto Adige: Riesling

Il Riesling renano, originario della valle del Reno, in Germania, viene coltivato principalmente nel Trentino Alto Adige. La sua diffusione nel nostro Paese è recente rispetto ad altri vitigni e risale all’inizio del Novecento. Il vino che si ottiene è di colore giallo tenue, con riflessi verdolini. Se affinato in legno o invecchiato per molti anni, il colore tende a virare al giallo paglierino o al dorato.

Ha un profumo spiccatamente intenso e aromatico, con note fruttate di limone, pompelmo, cedro e mela verde. Sono presenti anche note floreali di biancospino, gelsomino, glicine e camomilla. Il Riesling può essere sia secco che dolce, e se invecchiato può sviluppare aromi di burro, miele e cera d’api. La temperatura di degustazione consigliata è di 10°C e la bottiglia va stappata una mezz’ora prima per favorire l’ossigenazione. Questo vino, grazie alla buona mineralità, si abbina perfettamente con il pesce, i molluschi, e i crostacei. È ideale anche per accompagnare carni bianche e formaggi caprini.

Tiziana Foglio

Sono una Copywriter e Web Content Editor innamorata da sempre delle parole… appassionata del nettare deli Dèi, non dico mai di no a una bella storia e a un buon calice di vino!

Clicca per Commentare

You must be logged in to post a comment Accedi

Lascia un Commento

Altri Articoli in Classificazione dei Vini Italiani

Pubblicita'

I Migliori Articoli

Pubblicita'
Vai Su

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi