Connettiti sui Social
  • pesche al vino rosso pesche al vino rosso

    Pesche al vino rosso, una ricetta fresca e semplice

    Scritto da 19 luglio 2017

    Dalle mie parti, sono originaria della Puglia, quando arriva l’estate le pesche al vino rosso sono un vero must! La ricetta è facilissima, ma come diceva Confucio: “Si può essere felici anche mangiando un cibo molto semplice”! Pesche al vino rosso: Ingredienti 8 pesche (dolci) 1 cucchiaio di zucchero di canna ½ litro di vino rosso (meglio se dolce) Uno spruzzo di succo di limone Pesche al vino rosso: Preparazione Sbucciate le pesche, tagliatele a spicchi e disponetele in una ciotola. Aggiungete il vino, lo zucchero e lo spruzzo di limone. Lasciate a macerare in frigo per almeno 2-3 ore prima di servire. Le pesche con il vino rosso è una ricetta perfetta se volete festeggiare un compleanno o un anniversario, fatene buon uso… Se cercate un’altra ricetta con il vino rosso, leggete la ricetta della torta al vino rosso e degli spaghetti ubriachi! .....

  • Moscato di Scanzo Azienda Agricola Biava Moscato di Scanzo Azienda Agricola Biava

    Moscato di Scanzo e torta al vino: tête-à-tête d’autunno

    Scritto da 11 luglio 2017

    Immaginate: l’aria fresca d’autunno, una serata quasi indolente, una bottiglia di Moscato di Scanzo e una succulenta torta al vino rosso che profuma di cannella. “Celeste è questa corrispondenza d’amorosi sensi”, avrebbe detto il Foscolo. Autunno, arriva presto, qui si devono realizzare tali visioni. Torniamo alla realtà. Fa caldo, molto, siamo a Bergamo, a Scanzorosciate per la precisione e l’Azienda Agricola Biava ci ospita nell’ambito di un blog tour organizzato per la quinta tappa del progetto formativo #inLombard1a dedicato alla promozione e alla digitalizzazione turistica. Davanti a noi il totalizzante verde delle vigne, dietro di noi la ripida salita fatta per arrivarci. Dettagli. Una visita nelle cantine guidati da Manuele, entusiasta titolare, un pranzo vista paradiso a base di salumi e casoncelli accompagnato dai vini Guelfo e Ghibellino, una ridanciana breve partita a biliardino – ché non si dica che i blogger siano troppo presi dai social – e poi lui, il Moscato di Scanzo. Lo aspettavamo, questo prezioso calice. Seppur con la sensualità quella bella sudata fatta in salita per raggiungere l’azienda non c’entri nulla, è proprio questa la parola che più mi fa pensare a questo vino. Già di per sé trovo che i moscati siano vini dotati di un certo sex appeal, ma questo, ragazzi, davvero è irresistibile. Un passito ottenuto da uve di moscato, appunto, La più piccola DOCG d’Italia. Sexy nel colore, quasi pompeiano arrugginito. Catalizzante nel profumo, che sa di mora ma anche di rosa, che sa anche “di chiesa”, come mi verrebbe da dire. Sacro, come l’incenso bruciato. Quel profumo che non chiede il permesso, come dovrebbero fare tutti gli amanti. Resta, non va via. Quando penso al Moscato di Scanzo, penso a una torta che fa parte della tradizione dolciaria della mia famiglia. Una torta che pare sia tedesca ma anche campana, forse un po’ svizzera ma sicuramente incommensurabilmente buona. La torta al cioccolato e al vino rosso è stato il dolce che ha accompagnato tutti i miei compleanni a scuola, e pure quelli delle mie sorelle. E dei nostri amici, che avevano imparato a chiederci proprio quella a ogni occasione possibile. A me sembra perfetta per accompagnare questo moscato. Vi lascio la ricetta, fatene un uso amorevole, è un pezzo di cuore. Torta al vino rosso 250 g di farina 250 g di zucchero 250 g di margarina 4 uova 125 ml di vino rosso 200 g di cioccolato fondente 2 cucchiai di cacao amaro 1 bustina di lievito vanigliato cannella a piacere Il procedimento è simile a quello per preparare le classiche torte da forno. Si montano le uova con lo zucchero, si mischiano le polveri. Alle uova montate si aggiungono poi il cioccolato e la margarina fusi, il vino, pian piano le polveri sempre amalgamando e alla fine il lievito e la cannella. Si imburra e si infarina la teglia e si inforna quindi a 180° per almeno 30 minuti. Vale sempre in ogni caso la prova dello stecchino, ché ogni forno fa un po’ come gli pare. Se avete tempo, preparate la torta il giorno prima di mangiarla. Come tante cose belle e buone, ha bisogno di un po’ di tempo per dare il meglio di sé. Vi renderà felici, ne sono certa, come ha reso felice me, i miei cari e tutte le persone che negli anni l’hanno mangiata con noi. Ps: grazie per la foto Vitaliy Yarosh, sei troppo bravo! .....

  • Patate al vino rosso Patate al vino rosso

    Patate al vino rosso la ricetta

    Scritto da 21 giugno 2017

    Le patate al vino rosso sono un contorno molto appetitoso, ideale per accompagnare i secondi piatti a base di carne. Patate al vino rosso: Ingredienti per 4 persone 700 g di patate 1 cipolla grande 60 g di burro 200 ml circa di vino rosso 6 foglie di salvia Sale q.b. Pepe nero q.b. Patate al vino rosso: Preparazione Per preparare le patate al vino rosso, iniziate con il avare bene le patate, poi pelatele e tagliatele a pezzi grossi. In una pentola fate sciogliere il burro a fiamma dolce e fate rosolare la cipolla tagliata grossolanamente. Sfumate con la metà del vino rosso e fate evaporare. Aggiungete le patate e fatele rosolare con le foglie di salvia. Aggiustate di sale, mescolate e aggiungete il vino restante. Portate a termine la cottura e alla fine aggiungete una spolverata di pepe nero. Cercate un’altra ricetta con il vino rosso? Leggete la ricetta della torta al vino rosso e degli spaghetti ubriachi! .....

  • risotto all'amarone risotto all'amarone

    Ricetta del risotto all’Amarone

    Scritto da 14 giugno 2017

    Il risotto all’Amarone è uno dei piatti della tradizione culinaria veronese realizzato con due prodotti tipici di questa zona: il riso vialone nano veronese e l’Amarone della Valpolicella, considerato come il più pregiato dei vini veneti, nonché come uno dei più prestigiosi vini rossi italiani. risotto all’Amarone, ingredienti per 4 persone 320 g di riso vialone nano ½ bottiglia di Amarone della Valpolicella 1 l di brodo vegetale 1 cipolla 40 g di burro 50 g di formaggio Monte Veronese (o parmigiano reggiano) 50 ml di olio extra vergine d’oliva risotto all’Amarone, preparazione In un pentolino portate a bollore l’Amarone e lasciatelo ridurre di circa la metà del volume. Da parte tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire in una padella con 20 g di burro e l’olio. Aggiungete il riso, lasciatelo tostare per qualche minuto e versate l’Amarone. Portate a termine la cottura a fiamma viva, aggiungendo di volta in volta il brodo caldo, mescolando con un cucchiaio di legno. Fate mantecare il riso a fuoco spento con il burro avanzato e il formaggio grattugiato. Far riposare per qualche minuto e servire ben caldo .....

  • Torta al vino rosso Torta al vino rosso

    Ricetta della torta al vino rosso

    Scritto da 30 maggio 2017

      Ricetta Torta al vino rosso La torta al vino rosso è un delizioso dessert assolutamente da provare. È una torta umida e gustosa, ma non si sente il sapore del vino. 60 gr cacao amaro 150 gr farina 00 4 uova 200 gr zucchero di canna 200 gr burro 50 gr cioccolato fondente 150 ml vino rosso 1 bustina di lievito per dolci In un pentolino mettete il cacao, il burro, lo zucchero e il vino. Fate cuocere a fuoco basse fino a ottenere una crema. Lasciate da parte 150 gr della crema ottenuta, versate la restante crema in un’ampia ciotola e aggiungete le uova una alla volta, facendo assorbire bene. Unite la farina, il cioccolato tritato e il lievito e mescolate fino a ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Versate l’impasto in una teglia (stampo da 24 cm) imburrata ed infarinata, poi infornate la torta in forno già preriscaldato a 160°C e fate cuocere per 30 minuti circa. Sfornate e lasciate raffreddare la torta al vino rosso. Una volta che il dolce si sarà raffreddato incidete la superficie della torta con un coltetto, facendo dei tagli. Versate la crema messa precedentemente da parte. Adagiate la torta al vino rosso su un piatto da portata e servite. Per la scelta del vino vi consigliamo il Nero d’Avola .....

  • Ciambelline al vino e anice Ciambelline al vino e anice

    La ricetta delle ciambelline al vino e anice

    Scritto da 3 maggio 2017

      Ciambelline al vino e anice Le ciambelline al vino e anice sono dei gustosi biscotti al vino rosso, aromatizzati con l’anice stellato. 350 gr farina 00 100 ml vino rosso (a piacere) 80 gr burro (o 100 ml di olio di semi) 100 gr zucchero di canna anice stellato (q.b.) zucchero semolato (q.b.) 1 c.no lievito per dolci In una ciotola capiente mescolate il vino, lo zucchero e il burro fuso o l’olio. Aggiungete la farina, il lievito per dolci e l’anice stellato grattugiato. Impastate fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo. Formate dei bastoncini e poi delle ciambelline. Passate le ciambelline nello zucchero semolato. Adagiate le ciambelline al vino e anice su una teglia foderata con la carta forno. Fate cuocere a 170°C per 15 minuti circa. Lasciate intiepidire e servite le vostre ciambelline al vino e anice stellato! .....

  • Spaghetti ubriachi, una ricetta semplice e gustosa

    Scritto da 6 aprile 2017

    La ricetta degli spaghetti ubriachi è di facile realizzazione, ma non per questo poco gustosa. La versione che ti proponiamo è quella dello chef Alessandro Borghese. Buon appetito! Spaghetti ubriachi 300 gr spaghetti 600 ml vino (a piacere) 120 gr parmigiano (grattugiato) olio d’oliva (extra vergine) sale e pepe q.b. Metti sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e porta a ebollizione. In una padella ampia versa il vino e fallo bollire per 3 minuti per far evaporare la parte alcolica. Quando l’acqua nella pentola è arrivata a ebollizione, cala gli spaghetti e falli cuocere per pochi minuti (max 2 minuti). Scola gli spaghetti, ricordando di conservare un po’ di acqua di cottura per il prossimo passaggio. Metti gli spaghetti nella padella con il vino e termina la cottura aggiungendo l’acqua messa in precedenza da parte. Qualche istante prima di finire la cottura, aggiungi l’olio d’oliva, il parmigiano grattugiato, il pepe e fai mantecare. Il vino che scegli per cuocere gli spaghetti ubriachi, deve essere lo stesso di accompagnamento al piatto di pasta. .....

Altri Articoli
Vai Su

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi