Connettiti sui Social
  • Vincotto come usarlo Vincotto come usarlo

    Vincotto come usarlo sul formaggio e non solo

    Scritto da 19 dicembre 2017

    Vincotto come usarlo? Prima di tutto cominciamo col dire che il vincotto (da non confondere con il vino cotto tipico di Marche e Abruzzo) è un prodotto della tradizione pugliese. Il nome farebbe pensare che si tratti di vino riscaldato, ma in realtà si ottiene dal mosto d’uva cotto. Le uve utilizzate sono solitamente Nero di Troia, Montepulciano, Primitivo e Negramaro. Il vincotto si presenta come una sorta di sciroppo denso di colore bruno, profumato con sentori di caramello e dal gusto dolciastro. Esiste anche il vincotto di fichi, un’altra specialità pugliese, che però non si ottiene dal mosto d’uva cotto, ma dai fichi maturi o secchi, che vengono cotti e da cui si ricava una preparazione densa e sciropposa, molto zuccherina. Il vincotto ha origini molto antiche e già i Romani lo producevano, in due tipologie diverse secondo il grado di concentrazione: il sapa più concentrato e il defrutto (si riduceva di un terzo). Si utilizzava come bibita energetica. Nella tradizione pugliese, invece, il vincotto viene utilizzato per condire le cartellate, come ingrediente dei taralli neri foggiani e finanche sulla pizza bianca o le pettole fritte. In realtà anche in altre regioni d’Italia esistono prodotti simili al vincotto pugliese come la saba (o sapa) in Romagna, Marche e Sardegna. Il vincotto veneto è una specie di confettura ottenuta facendo cuocere il mosto d’uva con le mele, le patate e la zucca a pezzettini. Vincotto come usarlo sul formaggio Il vincotto viene utilizzato soprattutto per preparare i dolci natalizi come i mostaccioli e le famose cartellate, ma si può abbinare anche a piatti salati a base di carne e come condimento sui formaggi, soprattutto stagionati come il caciocavallo, il pecorino, ecc. Vincotto come usarlo sull’insalata Il vincotto è ottimo anche per arricchire l’insalata e per condire le verdure. Da provare assolutamente sulla frutta! .....

  • Orecchiette al vino Primitivo di Manduria, ricetta Orecchiette al vino Primitivo di Manduria, ricetta

    Orecchiette al vino Primitivo di Manduria, ricetta di Natale

    Scritto da 14 dicembre 2017

    Orecchiette al vino Primitivo di Manduria, ricetta super buona e originale da portare in tavola per il pranzo di Natale! Questo tipo di pasta si sposa bene con i condimenti ricchi e saporiti come un bel ragù di carne. Orecchiette al vino primitivo di Manduria, ricetta e ingredienti (6 persone) 500 g di farina di grano duro 250 ml circa di vino Primitivo di Manduria un pizzico di sale Orecchiette al vino primitivo di Manduria, ricetta e preparazione Metti su una spianatoia la farina di grano duro. Fai scaldare leggermente il vino. Fai sciogliere il sale e versa il vino tiepido sulla farina. L’impasto deve essere abbastanza asciutto, quindi regolati di conseguenza con la quantità di vino, che può essere diversa da quella indicata. Fai riposare l’impasto per mezz’ora coperto con un canovaccio di lino e poi ricava dei piccoli bastoncini. taglia a tocchetti e con l’aiuto del coltello dai la classica forma dell’orecchietta. Spolverizza con la farina un telo di cotone o di lino e adagia la pasta per farla asciugare. Sarebbe meglio preparare le orecchiette al vino primitivo di Manduria la mattina o il giorno prima. Se non sai realizzare questo tipo di pasta, qui trovi un facile tutorial! .....

  • Confettura di vino per formaggi Confettura di vino per formaggi

    Confettura di vino per formaggi, una ricetta da provare

    Scritto da 7 dicembre 2017

    La confettura di vino per formaggi è una ricetta di quelle che non ti aspetti… dalla consistenza simile alla gelatina è perfetta per accompagnare parmigiano, pecorino, grana padano, gorgonzola, scamorza, fontina, taleggio, caciocavallo e persino i formaggi di capra! Confettura di vino per formaggi: ingredienti 500 g di vino Lambrusco 200 g di zucchero di canna Buccia di limone bio 1 stecca di cannella (opzionale) Fruttapec Confettura di vino per formaggi: preparazione In una pentola antiaderente versa il vino per farlo scaldare, aggiungere lo zucchero e il gelificante. Aggiungi la stecca di cannella e porta a bollore. Fai cuocere a fuoco lento mescolando spesso per 30/40 minuti, poi spegni e togli la cannella. Versa la marmellata nei vasetti sterilizzati e capovolgi per una decina di minuti, per creare l’effetto del sottovuoto. Rigira i vasetti, fai raffreddare e conserva in un luogo fresco e lontano da fonti luminose. Ps. se vuoi dare a questa confettura di vino per formaggi una consistenza più liquida, fai cuocere solo per 20 minuti. .....

  • Brasato al vino rosso in pentola a pressione Brasato al vino rosso in pentola a pressione

    Brasato al vino rosso in pentola a pressione, un piatto classico

    Scritto da 23 novembre 2017

    Il brasato al vino rosso in pentola a pressione è un gustoso secondo piatto a base di carne di manzo, arricchito dal gusto del Barolo. Per questa ricetta, tipica del Piemonte, potete usare anche un altro tipo di vino, come il Sangiovese o il Montepulciano. La cottura tradizionale del brasato richiede molte ore, anche 6, senza considerare la marinatura. Per dimezzare i tempi la pentola a pressione è l’ideale. Segui la nostra ricetta e farai un figurone! Brasato al vino rosso in pentola a pressione: ingredienti (dosi per 4 persone) 800 g di manzo in unico pezzo 1 bottiglia di Barolo o Montepulciano 2 mazzetti di salvia e rosmarino 2 bacche di ginepro 2 chiodi di garofano 2 foglie di alloro 1 gambo di sedano 2 cipolle bianche non troppo grandi 2 spicchi di aglio 2 carote 2 cucchiai di olio extravergine di oliva Sale q.b. Pepe q.b. Brasato al vino rosso in pentola a pressione: preparazione Tampona il pezzo di carne con della carta da cucina per eliminare il sangue in eccesso. Aggiungi il sale e il pepe. Metti la carne in una pentola abbastanza capiente. Pela l’aglio, le cipolle e le carote, lavali insieme al sedano e falli a tocchetti. Metti il tutto nella pentola con la carne e aggiungi il Barolo. Copri la pentola e lascia marinare la sera prima in un luogo fresco o in frigo. Togli la carne dalla pentola e asciugala di nuovo, sempre con della carta da cucina (lasciando da parte la marinatura). Metti l’olio nella pentola a pressione e fallo intiepidire. Aggiungi la carne e falla rosolare per 5 minuti, per lato, finché non sarà dorata. Aggiungi la marinatura e chiudi la pentola. Quando senti il primo sbuffo di vapore, abbassa la fiamma. Lascia cuocere per 40 minuti. Dopo aver fatto sfiatare il vapore, apri la pentola e prendi il pezzo di carne. Rimuovi i mazzetti di salvia e rosmarino e frulla il vino che è avanzato con le verdure cotte. Aggiusta di sale e rimetti sul fuoco per far addensare. Servi la carne a fette usando questa gustosa salsina. Ps. se servite questo brasato con lo stesso vino con cui è cotto, le papille gustative faranno la ola come allo stadio! .....

  • caramelle al vin brulé caramelle al vin brulé

    Caramelle al vin brulé, deliziose chicche natalizie

    Scritto da 20 novembre 2017

    Buon lunedì a tutti! Passato un bel weekend? Qui a Bologna si inizia a respirare l’atmosfera natalizia e io comincio a impazzire di gioia, vi avevo già avvisati. Proprio per questo oggi vi porto in dono un’altra ricetta/idea regalo/sfizio natalizio: le caramelle al vin brulé. Non ci avevate mai pensato? Malissimo! Sono deliziose, divertenti da fare e regalarne dei sacchettini ad amici e parenti secondo me vi metterà nella top 5 delle persone più ben volute insieme a Babbo Natale. Disclaimer: creano dipendenza, vorrete farne e mangiarne sempre di più. INGREDIENTI PER 1 LITRO DI VINO ROSSO 1 litro di vino rosso 500 g di zucchero 1 cucchiaino di cannella 5/6 chiodi di garofano la buccia grattugiata di un’arancia Come preparare le caramelle al vin brulé? Versare tutti gli ingredienti in una pentola e una volta arrivati a bollore, abbassare la fiamma e far cuocere per circa 8-10 minuti Nel frattempo, foderare la placca del forno con della carta forno e versarvi poi il composto di vino cotto ricordandovi di togliere i chiodi di garofano, livellare e lasciar raffreddare Quando la base per le caramelle si sarà solidificata tanto da poterla tagliare facilmente senza romperla, tagliate le caramelle al vin brulé come preferite, quadrate o tonde coppandole Potete a questo punto passarle nello zucchero semolato o lasciarle nude Fate raffreddare ancora per bene e conservatele in frigo finché non si saranno completamente solidificate Adesso sbizzarritevi e impacchettate come più vi piace! Non so a voi, ma a me adesso è venuta una gran voglia di caramelle al vin brulé. Quasi quasi le faccio… .....

  • liquore al vino rosso liquore al vino rosso

    Liquore al vino rosso, lo spirito del Natale

    Scritto da 13 novembre 2017

    Oggi qui a Bologna nevica, il Natale si avvicina e sono dello spirito giusto per raccontarvi la ricetta del liquore al vino rosso. Un vero scalda cuori invernale perfetto per essere regalato a Natale, per essere sorseggiato in buona compagnia al calduccio o giocando con gli amici come si fa nelle meravigliose serate natalizie. Sì, ovviamente potete usarlo anche come carta top per corteggiare qualcuno, con spirito e di spirito, naturalmente. La ricetta ve la do, per il resto poi dovete un po’ aiutarvi da soli. INGREDIENTI PER 1 LITRO DI VINO ROSSO: 1 litro di vino rosso (piacevole e buono, eh, no vinacci e vinelli) 300 g di zucchero di canna 300 g di alcool vanillina a piacere, mediamente 2 bustine estratto per liquori allo cherry q.b., un paio di fialette vanno benissimo Come preparare il liquore al vino rosso? Mettete il vino in una pentola e lasciatelo borbottare per mezz’ora a fiamma bassa Spegnete il fuoco, aggiungete lo zucchero, mescolate per farlo sciogliere e lasciate raffreddare coprendo la pentola Una volta raffreddato per bene, aggiungete alcool e aromi quindi filtrate con colino e un fazzoletto di stoffa Imbottigliate e lasciate riposare il liquore per 20-30 giorni Il periodo perfetto per preparare il liquore al vino rosso è questo, e mi sa che vi tocca farlo da soli perché se lo chiedete a Babbo Natale poi se lo beve tutto in viaggio. Fate cose belle, buone e profumate. Buona neve a tutti. .....

  • vin brulè ricetta vin brulè ricetta

    Vin brulè, la ricetta per un autunno magico

    Scritto da 28 ottobre 2017

    Che autunno sarebbe se non ci fosse il vin brulè? Un po’ più freddo e meno profumato sicuramente. Il vin brulè è una di quelle bevande che coccolano anima e corpo e che ci accompagnano in viaggi magici verso Paesi nordici pieni di lucine e voci felici. Profuma l’aria e sa di festa, accarezza le guance rosse di freddo e asciuga i nasi che smoccolano un po’ ghiacciati, ci porta per mano attraverso i mercatini di Natale, per le sagre di paese dove scoppiettano caldarroste e cura anche qualche piccolo malanno. Se come me amate il Natale e tutto ciò che lo riempie, questo vin brulè s’ha proprio da fare. Ricetta e dosi per 1 litro di vino rosso: 1 litro di vino rosso 5-6 cucchiai di zucchero 2 arance 5 chiodi di garofano 2 stecche di cannella 1 anice stellato 1 grattugiata di noce moscata Preparare il vin brulè è davvero semplice e non richiede grandissime abilità se non un po’ d’attenzione per non farlo bruciare. Sbucciate le arance senza prendere la parte bianca e mettete le scorze in una pentola in cui avrete messo precedentemente lo zucchero. Aggiungete la cannella, i chiodi di garofano, l’anice stellato e la noce moscata. Versate il vino mescolando così da far iniziare a sciogliere lo zucchero. Ponete su una fiamma media e portate a bollore, quindi lasciate bollire per 5 minuti. A questo punto flambate il vino e lasciate che la fiamma in superficie si spenga da sola. Filtrate il vin brulè così ottenuto e servite bollente aggiungendo se vi va una fetta d’arancia nella tazza o nel bicchiere. Con cosa accompagnare il vin brulè? Sono perfetti dei ginger bread, dei biscotti di frolla cannella e cioccolato, uno strudel e tutti i dolci invernali ricchi di spezie e frutta, secca o fresca. Adesso, ragazzi, una promessa: se lo preparate, mi invitate? .....

  • panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso

    Panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso

    Scritto da 13 ottobre 2017

    La panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso è un dolce che non dimenticherai tanto facilmente… provare per credere! Panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso: ingredienti Per la panna cotta 150 ml di latte 500 ml di panna per dolci 80 g di zucchero 8 g di colla di pesce 1 bustina di vanillina Per la glassa 180 g di cioccolato fondente 50 g di burro 50 g zucchero a velo 125 ml di vino rosso Panna cotta fatta in casa con glassa di cioccolato e vino rosso: preparazione Metti la colla di pesce in una ciotolina con acqua fredda e fai ammorbidire per 15 minuti. Nel frattempo, versa in un pentolino la panna e il latte. Aggiungi lo zucchero e la vanillina e fai cuocere a fiamma bassa. Fai scaldare il composto per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto. Poi toglilo dal fuoco e aggiungi la colla di pesce ben strizzata. Mescola ancora per far sciogliere la gelatina. Inumidisci appena gli stampini con dell’acqua (un piccolo trucco per far uscire la panna cotta senza problemi) e poi versa il composto negli stampini monoporzione (ne serviranno almeno 7). Lascia la panna cotta in frigo per almeno 6 ore. Ora, prepara la glassa iniziando a scaldare il vino a fuoco medio, facendolo sobbollire leggermente. Nel frattempo fai sciogliere il burro insieme al cioccolato tritato finemente a fiamma bassa. Aggiungi lo zucchero, mescola bene e poi unisci il vino caldo. Lascia raffreddare 15 minuti prima di versare sul dolce se la prepari al momento, altrimenti, fai rapprendere la glassa a temperatura ambiente per 2-3 ore. Per la scelta del vino, orientati su un vino di buona qualità! .....

  • brownies al vino rosso brownies al vino rosso

    Brownies al vino rosso: non chiamateli solo dolcetti

    Scritto da 20 settembre 2017

    Ho imparato che nella vita esistono diversi paradisi, ieri ho scoperto che uno di questi è fatto di brownies al vino rosso. Pareti, pavimenti, mobili, suppellettili. Tutto di brownies al vino rosso. La perversione gentile dei golosi. Una coccola bella e buona. Che siccome che so’ cecata ma decisamente magnanima, oltre che magnatica, vi lascio la ricetta perché le serate fresche ormai sono arrivate e potete riaccendere i forni senza che nessun vostro campione poi venga portato al Madame Taussaud per essere spalmato sul ritocco della Regina Elisabetta. Fatene buon uso, questi sono pezzetti di autunno magico e i dolcetti, lo sappiamo, compiono magie. Al massimo potete anche giocarvela come ricetta da corteggiamento. Brownies al vino rosso: Ingredienti 50 g di farina 125 g di burro 125 g di zucchero di canna 3 uova 250 g di cioccolato fondente 1/2 bicchiere di vino rosso Brownies al vino rosso: preparazione Il procedimento è semplicissimo. Montate le uova con lo zucchero, fondete il cioccolato col burro e pian piano amalgamate senza mangiarlo tutto. Solo un po’. Aggiungete quindi quel cicinin di farina, sempre mescolando e infine il vino rosso. Sempre mescolando, naturalmente, serve a tenervi impegnati per non mangiare tutto l’impasto. Imburrate o cartafornate una teglia e cuocete a 180° per circa 17-20 minuti, ma come sempre dipende dal vostro forno. Una volta intiepidito, tagliate a pezzetti i brownies al vino rosso e spolverizzate di zucchero a velo, se vi piace. Forse anche con un pizzico di cannella nascosta nello zucchero. La prossima volta mi sa che lo faccio. Perché sì, li rifaccio. Bibidibobidibù. Ah, cosa ci abbiniamo? Un Aleatico Passito dell’Elba. Buone magie. .....

Altri Articoli
Vai Su

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi