Connettiti sui Social

Breve storia del vino, dall’Asia all’Europa

Eventi

Breve storia del vino, dall’Asia all’Europa

Dall’Asia al bacino del Mediterraneo

La storia del vino inizia in India e da qui, a partire dal terzo millennio a.C., la vite, considerata una delle piante più antiche della terra, si diffuse prima in Asia e poi nel bacino del Mediterraneo. La coltura della vite e la pratica della vinificazione erano già note in Mesopotamia e alcuni geroglifici egiziani risalenti al 2500 a.C. descrivono anche la tipologia di vino.

Dall’Egitto alla Pianura Padana

Dall’Egitto la pratica della vinificazione si affermò presso gli ebrei, gli arabi e i greci. Contemporaneamente la vite prese piede in Sicilia, cuore del Mediterraneo, per diffondersi prima presso i Sabini e poi presso gli Etruschi, che diventarono molto abili nella coltivazione dell’uva, allargando la pratica della vinificazione dalla Campania fino alla Pianura Padana.

Il vino a Roma

Nella civiltà romana la cultura della vite e del vino acquisì una notevole importanza soltanto dopo la conquista della Grecia. Gli antichi Romani amavano a tal punto questa bevanda, da farsi addirittura promotori della diffusione della viticoltura in tutte le province dell’Impero. Tuttavia, con il Cristianesimo e il declino dell’Impero Romano, il vino attraversò un periodo buio, fu accusato, infatti, di portare ebrezza e piacere effimero. Tra l’Ottocento e il Millequattrocento d.C., inoltre, attecchì l’Islamismo nel bacino del Mediterraneo e la viticoltura fu mesa al bando in tutti i territori occupati.

Il vino nella cultura dei monaci

Soltanto il sorgere dei monasteri consentì alla vite di salvarsi. I monaci benedettini e cistercensi, infatti, continuarono a produrre il vino (simbolo del sangue di Cristo), perché serviva per la celebrazione dei riti religiosi, inventando nuovi uvaggi e sperimentando tecniche innovative. Solo con il Rinascimento il vino ritorna ad avere un ruolo di primo piano nella cultura occidentale. La vera epoca d’oro nella storia del vino è il  Settecento, quando le botti di legno divennero meno costose e si diffuse l’uso dei tappi di sughero, contribuendo alla conservazione e al trasporto del vino nel resto dell’Europa.

Tiziana Foglio

Sono una Copywriter e Web Content Editor innamorata da sempre delle parole... appassionata del nettare deli Dèi, non dico mai di no a una bella storia e a un buon calice di vino!

Clicca per Commentare

You must be logged in to post a comment Accedi

Lascia un Commento

Altri Articoli in Eventi

Pubblicita'

I Migliori Articoli

Pubblicita'
Vai Su

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi